IL TRIBUNALE DI AVEZZANO CHIUDE!

Definitiva la decisione circa la soppressione di 31 Tribunali e 31 Procure disposta con decreto legislativo n. 156 del 07 settembre 2012, tra cui purtroppo anche Tribunale e Procura di Avezzano. A nulla è valsa la “resistenza” ideologica contro tali decisioni messa in atto dagli avvocati avezzanesi. L’unica consolazione, se così si può chiamare, sarà lo slittamento dell’accorpamento con l’Aquila nel 2015. L’art. 11 comma 3 del 外汇交易平台 decreto ha stabilito infatti, che ” Le modifiche delle circoscrizioni giudiziarie dell’Aquila e Chieti, nonché delle relative sedi distaccate, previste dagli articoli 1 e 2, acquistano efficacia decorsi tre anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto…”. La deroga è motivata dalla necessità di dare più tempo per organizzare logisticamente e urbanisticamente l’accorpamento con la città di L’Aquila reduce dal sisma del 2009.
Questa decisione porterà non pochi disagi. Non ci sarà solo il problema di gestire le udienze per gli avvocati avezzanesi, che dovranno recarsi a L’Aquila quasi ogni giorno tra incombenti di cancelleria ed udienza, ma anche quello dell’inevitabile aumento delle spese giudiziarie per i clienti oltre alla penalizzazione di tutto l’indotto che gravita(va) nell’orbita dell’attività giudiziaria avezzanese. 

Per quanto possa valere, riteniamo del tutto illogica e non funzionale la decisione presa dal Guardasigilli e dal Governo : se l’idea ispiratrice della riforma è (o avrebbe dovuto essere) la soppressione degli uffici giudiziari con un limitato carico giudiziario che determinano inutile moltiplicazione delle spese (affitti immobili, personale, ecc…) non si comprendono le ragioni di questa decisione per il palazzo di giustizia avezzanese che gestisce un numero elevatissimo di contenziosi e che si riverseranno nel Tribunale aquilano già faticosamente impegnato nella riorganizzazione dei propri uffici a seguito del sisma.

Pubblichiamo di seguito il decreto legislativo e l’allegato contenente l’elenco dei Tribunali e delle Procure soppresse.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *