MATRIMONIO NULLO SE CELEBRATO SOLO PER “RIPARARE” IL CONCEPIMENTO NON VOLUTO DEL FIGLIO

Se il matrimonio è celebrato per “riparare” al concepimento non voluto del figlio e tale riserva mentale è conosciuta dall’altro coniuge, il matrimonio è nullo.

E’ quanto ha stabilito dalla Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione, con la sentenza 30 marzo 2012, n. 5175.

Secondo la Cassazione, infatti, la breve durata, di appena dieci mesi, della convivenza matrimoniale tra le parti, culminata nell’abbandono del tetto coniugale da parte della donna, caratterizzata da incomprensioni e contrasti continui, verosimilmente dovuti a differenze caratteriali e di educazione ed a carenza di affetto sponsale, tali da renderne intollerabile la prosecuzione, conferma il fatto che la scelta matrimoniale fosse stata determinata dall’intento di riparare all’errore commesso (il concepimento del figlio), anche da parte della medesima e non, invece, dall’intento di questa di vivere con il marito per tutta la vita, il che costituisce un ulteriore dato, che fa presumere la consapevolezza, da parte sua, della riserva mentale di quest’ultimo.

Una risposta a “MATRIMONIO NULLO SE CELEBRATO SOLO PER “RIPARARE” IL CONCEPIMENTO NON VOLUTO DEL FIGLIO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.